Per tutti:

40° anniversario ARIPS - 1° Capitolo delle scienze sociali (programma e interventi .pdf scaricabile)

Leadership in Teams

Spunti di riflessione Luglio 2002

Psicoma:
Oltre il genoma c’č la proteomica

Partecipa alla Ricerca Connessioma
(per tutti)

PSICOMA beta2011
Partecipa al test

Canti di viaggio Scritti autografi e testimonianze di e su A.Raviola a cura di M.Sberna (scarica gratuitamente .pdf )


Editoriali trimestrali Vedi Archivio
C'è vittima e vittima (Guido Contessa)

Le vittime non sono tutte uguali, anche se la retorica non fa distinzioni. Ci sono le vitime per destino, per scelta altrui, e per scelta propria. Infine ci sono le vittime eroi, che sacrificano scientemente la propria vita per quella di altri.

Le vittime per destino sono quelle che vengono colpite da disastri naturali come un terremoto, un fulmine, il morso di un insetto, una grave disabilità. Le vittime per scelta altrui sono quelle che muoiono per aggressione o omicidio; quelle che muoiono sul lavoro per incuria degli imprenditori; quelle che cadono dai ponti mal progettati e senza manutenzione; quelle che soccombono a disastri naturali favoriti dall'irresponsabilità dei politici; quelle che vengono investite da pirati della strada.
Poi ci sono le vittime per scelta propria. Queste sono le vittime di situazioni derivanti da loro libere scelte. I suicidi sono le vittime esemplari di questo tipo. Poi ci sono le vittime della droga o dell'alcol. Le vittime di "giochi" pericolosi. Quelle che muoiono a seguito di sport o hobbies ad alta rischiosità. Infine ci sono i soldati che combattono, i pompieri, gli artificieri, che hanno scelto una professione che prevede un alto grado di pericolo.

Considerare le vittime per destino e per scelta altrui allo stesso modo di quelle per scelta propria è ingiusto e offensivo, per le prime due categorie. Come è ingiusto equiparare una vittima che muore per omicidio a una che muore suicida. Tutte le vittime hanno diritto alla "pietas" che si deve tributare a chiunque (e per qualunque causa) muore o viene gravemente danneggiato. Ciò detto, non possiamo continuare ad eludere il concetto di responsabilità.
Le vittime per destino o per scelta altrui non hanno alcuna responsabilità, non scelgono il rischio di diventare vittime. Le vittime per scelta propria scelgono e accettano i rischi derivanti dalle proprie decisioni.

Infine, ci sono le vittime e le vittime eroi. Le vittime eroi sono quelle non hanno scelto il rischio e il pericolo, ma che di fronte alla propria morte e quella altrui scelgono la prima. Le vittime eroi sono quelle che si trovano in situazioni provocate dal destino o da scelte altrui, e scelgono di sacrificare se stessi per salvare un altro. Salvo d'Acquisto è il paradigma delle vittime eroi. E' una vittima eroica il genitore che affoga per salvare il figlio che rischia la vita. Più ancora eroico è chi affoga per salvare dall'annegamento un estraneo.
La retorica tende a omologare le due categorie, senza rendersi conto che sovrapporre la prima categoria alla seconda è un'offesa per quest'ultima. Definire eroi quelli che muoiono sul lavoro o per un attentato terroristico è un errore: sono vittime per scelta altrui. Definire eroi quelli che muoiono su un'auto o una moto da corsa è un altro errore: sono vittime per scelta propria.

C'è poi un'altra distinzione fra le vittime. Ci sono vittime ignorate e vittime mitizzate dai mass-media, dalla magistratura e dai politici. Le recente questione Regeni è un esempio palese di questa distinzione. L'Italia è il Paese dei misteri, degli omicidi e delle stragi insolute. Dall'omicidio Rostagno a quello di Ilaria Alpi e Stefano Cucchi, abbiamo un lungo elenco di vittime senza una vera giustizia. L'Italia è anche un Paese che ha registrato oltre 100 morti misteriose in Paesi stranieri solo in questo secolo, e decine di casi di assassini che vivono all' estero senza alcuna estradizione (dai colpevoli delle stragi naziste rifugiati in Germania a Cesare Battisti protetto prima dalla Francia e ora dal Brasile). Ma in nessuno di questi casi abbiamo visto interrompere relazioni diplomatiche, inviare magistrati all'estero a fare indagini, e alte cariche dello Stato manifestare . Nel caso Regeni, non si capisce perchè, tutto questo è stato fatto.
Un altro palese esempio è quello della povera donna mutilata ad un orecchio da una banda di criminali, e che ha ricevuto un copertura mediatica continua per una settimana. Nei servizi su questo crimine, salta fuori un povero negoziante a cui, poco tempo fa, è stato mozzato un dito: nel totale silenzio dei media.

Infine, ci sono le uniche vere vittime eroi, che vivono nel quotidiano e nel silenzio generale. Sono coloro che si curano giorno per giorno di parenti disabili gravi: genitori, partner, figli. Sono le vittine del destino che scelgono liberamente di sacrificare la propria vita per qualcuno che amano. Non solo questi non vengono osannati dai mass-media, ma spesso sono lasciati soli da servizi sociali inefficienti e da uno Stato insensibile.

T-group

ARIPS è il più consolidato centro italiano per lo studio e l'applicazione del T-Group.
Iscriviti
alla lista d'attesa per la prossima esperienza on line o faccia a faccia.

Stimolare le relazioni con le carte

Materiali per tutti e per i Soci

L'associazione e come iscriversi

Servizi ARIPS


Per contattarci: admin@arips.com
La sede centrale di ARIPS è in v.le Brescia, 6 - Molinetto di Mazzano (BS).

Siti curati da ARIPS

Master.com.content